Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia
Prec Succ

Auguri di Buona Pasqua 2019

Auguri di Buona Pasqua 2019

Leggi tutto ...

Seminario formativo: Soluzioni costruttive in acciaio: i profili sottili formati…

Seminario formativo: Soluzioni costruttive in acciaio: i profili sottili formati a freddo e l’involucro nell’edilizia stratificata “a secco”

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia organizza per mercoledì 8 maggio, presso la sede in via del Can Bianco, 13, a Pistoia, dalle ore 9 alle ore 13, il seminario formativo: Soluzioni costruttive in acciaio: i profili sottili formati a freddo e l’involucro nell’edilizia stratificata “a secco”. La...

Leggi tutto ...

DISPONIBILITA' PER COMMISSIONI EDILIZIE COMUNALI

DISPONIBILITA'  PER COMMISSIONI EDILIZIE COMUNALI

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia chiede a tutti gli iscritti interessati , la disponibilità ad essere indicati come possibili membri nelle commissioni edilizie comunali.Per l'adesione sarà necessario inviare una  mail all'indirizzo: info@geopistoia.it , indicando i propri dati personali, entro il 30 Aprile 2019

Leggi tutto ...

29 aprile 2019 - Convocazione Assemblea Iscritti

29 aprile 2019 - Convocazione Assemblea Iscritti

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia comunica che lunedì 29/04/2019 alle ore 15:00 in prima convocazione e alle ore 17.00 in seconda convocazione presso la sede del Collegio in Pistoia, Via del Can Bianco, n.13 , è convocata l’Assemblea degli Iscritti al Collegio Provinciale Geometri e GeometriLaureati...

Leggi tutto ...

Ricerca personale

Ricerca personale

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia segnala che un'Azienda del Comune di Larciano cerca tecnico con capacita' di disegno autocad per assunzione o anche come collaboratore esterno.Coloro che sono interessati possono inviare alla segreteria del Collegio , tramite mail all'indirizzo info@geopistoia.it i propri recapiti.Il Collegio provvederà a...

Leggi tutto ...

Disponibilità a consultazioni per "commissione consultiva dei valori OMI"

Disponibilità a consultazioni per "commissione consultiva dei valori OMI"

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia chiede a tutti gli iscritti interessati, la disponibilità ad essere consultati in merito ai prezzi di mercato degli immobili della zona di operatività, e della quale ogni professionista è esperto, al fine di dare un fattivo supporto al referente per il...

Leggi tutto ...

Servizio di consulenza legale Avv. Diletta Lastraioli - Appuntamento Aprile…

Servizio di consulenza legale Avv. Diletta Lastraioli - Appuntamento Aprile 2019

Si informa che l’avv. Diletta Lastraioli sarà a disposizione degli Iscritti giovedì 18 aprile dalle ore 15:00 alle ore 18:00, presso la sede del Collegio per fornire il servizio di consulenza legale. Detta consulenza sarà resa previo appuntamento da concordare direttamente con l’avvocato presso i seguenti recapiti: avv. Diletta Lastraioli, Via...

Leggi tutto ...

Firenze - Evento Formativo: la nuova L.R. 65/2014 adeguata alla…

Firenze - Evento Formativo: la nuova L.R. 65/2014 adeguata alla riforma c.d. “Madia SCIA 2"

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Firenze organizza per il 15 aprile 2019 l'evento formativo in materia urbanistico-edilizia: "La nuova L.R. 65/2014 adeguata alla riforma c.d. “Madia SCIA 2”. Scarica il programma

Leggi tutto ...

Corso di aggiornamento annuale per Amministratori di Condominio (ore 18…

Corso di aggiornamento annuale per Amministratori di Condominio (ore 18 con verifica finale) ai sensi della L. 220/12 e del D.M. 13.08.2014 n.140. Periodo di svolgimento Maggio 2019. PRE-ADESIONE

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia comunica che sono aperte le pre-adesioni per il: "Corso di aggiornamento annuale per Amministratori di Condominio ai sensi della L. 220/12 e del D.M. 13.08.2014 n.140" che si svolgerà nel mese di maggio 2019 e che avrà una durata complessiva di...

Leggi tutto ...

Cassa Geometri - Online la Certificazione Unica 2019

Cassa Geometri - Online la Certificazione Unica 2019

La Cassa Geometri comunica che è disponibile on line, accedendo all'area riservata, la Certificazione Unica 2019 (CU) relativa ai redditi di pensione corrisposti nel corso dell’anno 2018 (ex modelli CUD). Scarica la comunicazione della Cassa Geometri  

Leggi tutto ...

FSC Prato - Incontri di aggiornamento coordinatori per la progettazione…

FSC Prato - Incontri di aggiornamento coordinatori per la progettazione e la coordinazione dei lavori 2019

L'Ente Formazione Sicurezza Costruzioni di Prato, nell'ambito degli incontri di aggiornamento per coordinatori per la progettazione e la coordinazione dei lavori organizza, giovedì 11 aprile dalle 14.30 alle 18.30 presso la sede in via G. Oberdan, 56 a Prato, il corso:" L'organizzazione del cantiere nella pratica operativa del coordinatore per...

Leggi tutto ...

Siena - Corsi di aggiornamento prevenzione incendi

Siena - Corsi di aggiornamento prevenzione incendi

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Siena e l’Associazione Geometri del Territorio Senese, in collaborazione con il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, stanno organizzando 2 corsi di aggiornamento in materia di Prevenzione Incendi della durata di 4 ore ciascuno. I corsi saranno attivati al raggiungimento di al raggiungimento...

Leggi tutto ...

CNG - Nuove norme antincendio per edifici di civile abitazione

CNG - Nuove norme antincendio per edifici di civile abitazione

Il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati comunica la pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale n° 30 del 5 febbraio 2019, il decreto del Ministero dell'Interno riportante le modifiche e le integrazioni alle norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Scarica la comunicazione del CNG

Leggi tutto ...

INMP Istituto Nazionale Migrazione e Povertà - Avviso per costituzione…

INMP Istituto Nazionale Migrazione e Povertà - Avviso per costituzione elenco professionisti

Il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati comunica la pubblicazione di un avviso, da parte dell' Istituto Nazionale Migrazione e Povertà, per la costituzione di un elenco di professionisti per l’affidamento di servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria di importo inferiore ad € 100.000,00. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito...

Leggi tutto ...

Corso di aggiornamento annuale per Amministratori di Condominio - proroga…

Corso di aggiornamento annuale per Amministratori di Condominio - proroga termini per le iscrizioni

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia comunica che è stata prorogata al 15 marzo la scadenza per l'iscrizione al Corso di aggiornamento annuale per  Amministratori di Condominio (ore 18 con verifica finale) ai sensi della L. 220/12 e del D.M. 13.08.2014 n.140. Periodo di svolgimento Aprile 2019....

Leggi tutto ...

CNG - Questionario: "Consultazione pubblica sul futuro dell'Europa"

CNG - Questionario: "Consultazione pubblica sul futuro dell'Europa"

Il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati comunica che il Coniglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro ha predisposto una consultazione sul futuro dell'Europa rivolta a tutti i cittadini dell'Unione. Si può partecipare al sondaggio collegandosi al sito istituzionale del CNEL. Scarica la comunicazione del CNG  

Leggi tutto ...

INPS - Direzione Regionale Toscana - Firenze - BANDO PER…

INPS - Direzione Regionale Toscana - Firenze - BANDO PER INDAGINE DI MERCATO RICERCA IMMOBILE IN PISTOIA

La Direzione Regionale Toscana I.N.P.S. segnala la pubblicazione sul proprio sito istituzionale di un avviso pubblico finalizzato ad una indagine di mercato per la ricerca di un immobile, sito nel Comune di Pistoia, da destinare a direzione provinciale Inps.Visiona l'avviso

Leggi tutto ...

Oggetto: 2° Campionato Italiano di Footgolf per Geometri e G.L.…

Oggetto: 2° Campionato Italiano di Footgolf per Geometri e G.L. e liberi professionisti

L'ASD Geo Sport comunica che sono aperte le iscrizioni al 2° Campionato Italiano di Footgolf per Geometri e G.L. e liberi professionisti che si terrà il 27 aprile 2019 a San Giovanni In Marignano (RN). Gli interessati possono iscriversi entro il 5 di aprile 2019 accedendo al sito istituzionale. Scarica...

Leggi tutto ...

Trasmissione di attestazione energetica tramite SIERT - Chiarimenti

Trasmissione di attestazione energetica tramite SIERT - Chiarimenti

La Regione Toscana comunica che: "Per trasmettere un A.P.E. occorre essere accreditati al Sistema Regionale S.I.E.R.T. (Sistema Informativo Efficienza Energetica Regione Toscana) registrandosi attraverso il portale telematico. Ci sono due opzioni per iscriversi/accreditarsi; possono iscriversi come soggetti certificatori coloro che hanno i requisiti di: 1 a) Possesso titolo di studio di Geometra, b) Essere iscritto...

Leggi tutto ...

Corso di aggiornamento annuale per Amministratori di Condominio (ore 18…

Corso di aggiornamento annuale per Amministratori di Condominio (ore 18 con verifica finale) ai sensi della L. 220/12 e del D.M. 13.08.2014 n.140. Periodo di svolgimento Aprile 2019.

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia organizza nei giorni di Mercoledì 3, Venerdì 5, Mercoledì 10 eVenerdì 12 Aprile 2019 dalle ore 8 e 30 alle ore 13, presso la Sala Convegni del Collegio in Via del Can Bianco 13, Palazzo Puccini, a Pistoia il corso: "Corso di...

Leggi tutto ...

Comune di Uzzano - Adeguamento sanzioni

Comune di Uzzano - Adeguamento sanzioni

Il Comune di Uzzano comunica che dal 14 febbraio 2019, a seguito dell'approvazione della nuova determina n. 74/2019, "sono state aumentate e riformulate le sanzioni in caso di accertamenti di conformità, e comunque tutta la casistica delle sanzioni previste dalla normativa edilizia e paesaggistica. Tali sanzioni sono cumulabili a seconda...

Leggi tutto ...

Seminario: "Fatturazione elettronica verso tutti. Cosa cambia per il professionista"…

Seminario: "Fatturazione elettronica verso tutti. Cosa cambia per il professionista" - Annullamento

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia comunica che il seminario:"Fatturazione elettronica verso tutti. Cosa cambia per il professionista", previsto  nel corrente mese, è stato annullato dalla ditta organizzatrice GEC Software.

Leggi tutto ...

Regione Toscana - Trasmissione di attestazione energetica tramite SIERT

Regione Toscana - Trasmissione di attestazione energetica tramite SIERT

La Regione Toscana comunica che: "al termine di due mesi e mezzo di proficua sperimentazione con più di 350 tecnici certificatori registrati, il 18 febbraio 2019 si concluderà la fase sperimentale di trasmissione in formato digitale degli Attestati di prestazione energetica sul Modulo APE del SIERT: a partire da quella...

Leggi tutto ...

La Rete Professioni Tecniche scrive a Rossi: Una legge per…

La Rete Professioni Tecniche scrive a Rossi: Una legge per tutelare il lavoro dei professionisti

La Rete Professioni Tecniche ha sottoposto al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e a tutta la giunta toscana una proposta di legge per risolvere il problema del pagamento del lavoro svolto dai professionisti tecnici e allo stesso tempo risolvere quello dell'evasione fiscale. La proposta è quella di inserire l'obbligo, tra...

Leggi tutto ...

CNG - Consultazione Norme Tecniche - Nuova Convenzione UNI, CNGeGL…

CNG - Consultazione Norme Tecniche - Nuova Convenzione UNI, CNGeGL e FGI

Il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati comunica la stipula di una nuova convenzione tra UNI, Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati e Fondazione Geometri Italiani che permette agli iscrittidi consultare online tutte le norme tecniche UNI disponibili a catalogo. L'abbonamento può essere sottoscritto da tutti gli iscritti all'albo per...

Leggi tutto ...

Consorzio per lo sviluppo delle Aree Geotermiche - Avviso pubblico

Consorzio per lo sviluppo delle Aree Geotermiche - Avviso pubblico

Il Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche ha pubblicato un avviso per la formazione e l’utilizzo di un albo degli operatori economici da consultare per l’affidamento di incarichi professioni riguardanti i servizi attinenti all’architettura ed all’ingegneria. I professionisti interessati possono fare richiesta di essere inseriti nell’elenco tramite il modello di...

Leggi tutto ...

Comune di Uzzano - Orario accesso agli atti

Comune di Uzzano - Orario accesso agli atti

Il Comune di Uzzano comunica che  a partire dal giorno 18 Febbraio 2019, l’accesso agli atti, alle pratiche edilizie e all’archivio storico comunale avverrà solo previo appuntamento al numero di telefono 0572.447738 (referente Dott.ssa Lottini Lucilla) nei giorni di martedì 09:00/12:00 e venerdì 09:00/12:00.

Leggi tutto ...

Rai - AVVISO DI SELEZIONE “GEOMETRI 2019”

Rai - AVVISO DI SELEZIONE “GEOMETRI 2019”

La Rai ha pubblicato un bando per una selezione, per titoli e prove, finalizzata a individuare 6 risorse da impiegare in qualità di Geometri da inserire in Azienda con contratto di apprendistato professionalizzante, ai sensi dell’art. 10 del CCL RAI per Quadri, Impiegati ed Operai. La scadenza per presentare la propria...

Leggi tutto ...

Agenzia delle Entrate - Fabbricati rurali – Requisiti per il…

Agenzia delle Entrate - Fabbricati rurali – Requisiti per il riconoscimento del carattere rurale ai fini fiscali.

La Direzione Provinciale di Pistoia - Ufficio Provinciale - Territorio dell'Agenzia delle Entrate inoltra i chiarimenti, divulgati dalla Direzione Centrale Servizi Catastali, Cartografici e di Pubblicità Immobiliare, in merito a quesiti ricorrenti riguardanti i requisiti necessari per il riconoscimento del carattere rurale ai fini fiscali dei Fabbricati Rurali. Scarica la circolare...

Leggi tutto ...

Agenzia delle Entrate - Avvio nuove modalità di pagamento dei…

Agenzia delle Entrate - Avvio nuove modalità di pagamento dei servizi allo sportello

La Direzione Provinciale di Pistoia - Ufficio Provinciale - Territorio dell'Agenzia delle Entrate comunica che è in via di introduzione una nuova modalità di pagamento dei servizi resi allo sportello. Tra le diverse modalità di pagamento alternative al contante previste nel Provvedimento del Direttore dell’Agenzia del 28 giugno 2017 è stata...

Leggi tutto ...

Progetto di “Piano di bacino del fiume Serchio, stralcio Assetto…

Progetto di “Piano di bacino del fiume Serchio, stralcio Assetto Idrogeologico (PAI) – II Aggiornamento”. Adozione nuove misure di salvaguardia.

L'Autorità di Bacino del fiume Serchio comunica che con delibera del 27 dicembre 2018 la Conferenza Istituzionale Permanente dell’Autorità di bacino distrettuale dell’Appennino Settentrionale ha provveduto ad adottare, ai sensi dell’art. 65 commi 7 e 8 del d.lgs. 152/2006, specifiche misure di salvaguardia relativamente al “Progetto di Piano di bacino,...

Leggi tutto ...

Convenzione con WorldsNet per adeguamento privacy

Convenzione con WorldsNet per adeguamento privacy

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia comunica che è possibile, per i propri iscritti, usufruire della convenzione stipulata con la Società WorldsNet per l'adeguamento della propria realtà professionale alle nuove norme in materia di trattamento di dati. Scarica la convenzione

Leggi tutto ...

Corso di aggiornamento professionale del Coordinatore per la Sicurezza in…

Corso di aggiornamento professionale del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Progettazione e del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione dei lavori - 40 ore - Modifica Calendario

Modifica al calendario del corso di aggiornamento professionale per i Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione (CSP) ed in fase di Esecuzione (CSE) (ai sensi dell’art. 98 del D.lgs. 81/2008),  che si terrà dal 28 febbraio  2019  fino al 21 maggio 2019 presso la sede del Collegio dei Geometri...

Leggi tutto ...

CNG -Circolare - Linee guida per la valutazione degli immobili…

CNG -Circolare - Linee guida per la valutazione degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie

Il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati trasmette le linee guida per la valutazione degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie, linee guida sottoscritte e presentate presso l'ABI il 30 novembre 2018. Scarica le linee guida

Leggi tutto ...

La Commissione Estimo, C.T.U. e Mediazione - Questionario per gli…

La Commissione Estimo, C.T.U. e Mediazione - Questionario per gli Iscritti

La Commissione Estimo, C.T.U. e Mediazione del Collegio chiede agli Iscritti  di compilare il questionario allegato affinchè il Collegio possa organizzare eventi formativi sulle stime immobiliari. Scarica il questionario

Leggi tutto ...

Cipag - Rinnovo con Aruba S.p.a. e chiusura caselle PEC…

Cipag - Rinnovo con Aruba S.p.a. e chiusura caselle PEC dei Geometri non più isritti all'Albo Professionale

La Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri comunica che è in corso di perfezionamento la convenzione per l'erogazione del servizio delle caselle di posta elettronica certificata "geopec". In particolare, entro il 28 febbraio saranno chiuse tutte le caselle PEC assegnate ai Geometri non più iscritti all'Albo professionale alla data del...

Leggi tutto ...

Deroghe regionali ai procedimenti autorizzativi per le costruzioni site in…

Deroghe regionali ai procedimenti autorizzativi per le costruzioni site in zona sismica - Sentenza della Corte di Cassazione

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia rende noto che la Corte di Cassazione Penale, con sentenza nr. 39428-2018, ha ribadito che le eventuali deroghe Regionali ai procedimenti autorizzativi per le costruzioni site in zona sismica, costituiscono una aperta violazione dell'Art.83 del D.P.R. 380/01. La sentenza riguarda in particolare...

Leggi tutto ...

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI…

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI GEOMETRA - Risultati Sessione 2018

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia comunica i risultati finali della Sessione 2018 degli Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della libera professione di Geometra. Scarica l'allegato

Leggi tutto ...

CNG - continua SINF (Sistema Informativo Nazionale Formazione) - scadenza…

CNG - continua SINF (Sistema Informativo Nazionale Formazione) - scadenza triennio di riferimento obbligo formativo 2016-2018

All'approssimarsi della scadenza del triennio di riferimento 2016-2018 (31 dicembre 2018) per l'assolvimento dell'obbligo formativo dei professionisti ricadenti in tale triennio, il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati ricorda che i CFP sono attribuiti all'anno indicato nel SINF come “fine evento”; ne deriva che gli eventi formativi, da riferirsi...

Leggi tutto ...

CNG - Approvazione di norme tecniche per la prevenzione incendi…

CNG - Approvazione di norme tecniche per la prevenzione incendi per le attività commerciali

Il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati inoltra le modifiche alle norme tecniche di prevenzione incendi per le attività commerciali nelle quali sia prevista la vendita e l'esposizione di beni, con superficie lorda superiore ai 400 mq, comprensiva di servizi, depositi e spazi comuni coperti. Le norme, che modificano il...

Leggi tutto ...

Regione Toscana - Prezzario Lavori Pubblici Regione Toscana - Anno…

Regione Toscana - Prezzario Lavori Pubblici Regione Toscana - Anno 2019

La Regione Toscana comunica che il 27 Novembre 2018 è stato approvato, con delibera regionale,  il “Prezzario dei Lavori Pubblici della Toscana - Anno 2019”. Il Prezzario entra in vigore il 01/01/2019, i suoi prezzi hanno validità fino al 31 dicembre 2019. La Regione consiglia, ai fini del corretto utilizzo del Prezzario:"...

Leggi tutto ...

Tribunale di Pistoia - Certificazione unica dei Redditi

Tribunale di Pistoia - Certificazione unica dei Redditi

L'Ufficio del Tribunale di Pistoia inoltra la circolare riguardante la possibilità per gli utenti di estrarre autonomamente la Certificazione Unica dei redditi corrisposti all'Ufficio Giudiziario registrandosi  ai servizi on line presenti sul sito del Ministero della Giustizia. Scarica la comunicazione

Leggi tutto ...

Seminario: "Metodologie per la presentazione Dichiarazione Successione in modalità telematica"…

Seminario: "Metodologie per la presentazione Dichiarazione Successione in modalità telematica" - Posticipazione

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia comunica che, causa esigenze sopravvenute, il seminario:" "Metodologie per la presentazione Dichiarazione Successione in modalità telematica", previsto per venerdì 14 dicembre 2018, sarà posticipato a Gennaio 2019. Saranno comunicate nelle prossime newsletter la data, l'orario ed il luogo di svolgimento. Le iscrizioni...

Leggi tutto ...

Comune di Pistoia e nuovo orario di ricevimento ufficio tecnico…

Comune di Pistoia e nuovo orario di ricevimento ufficio tecnico dell'edilizia del Comune di Pistoia.

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati rende noto lo scambio di lettere tra il Collegio e la Pubblica Amministrazione di Pistoia, a seguito dei grandi disagi provocati dalla riduzione dell'orario di ricevimento dell'ufficio tecnico. Scarica la lettera inviata dal Collegio all'Assessore all'urbanistica del Comune di Pistoia Scarica la risposta da...

Leggi tutto ...

Corso: Prima lettura della L.R. Toscana 24.07.2018 n. 41 recante…

Corso: Prima lettura della L.R. Toscana 24.07.2018 n. 41 recante nuove disposizioni in materia di rischio alluvioni e tutela dei corsi d’acqua. PRE-ADESIONI

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati Pistoia comunica che nei primi mesi del 2019 è previsto lo svolgimento del corso: "Prima lettura della L.R. Toscana 24.07.2018 n. 41 recante nuove disposizioni in materia di rischio alluvioni e tutela dei corsi d’acqua", che avrà una durata di 4 ore. La partecipazione...

Leggi tutto ...

Agenzia delle Entrate - Guida per le opere di ristrutturazione…

Agenzia delle Entrate - Guida per le opere di ristrutturazione edilizia

L'Agenzia delle Entrate trasmette l'ultimo aggiornamento, datato 23 novembre 2018, della guida per le opere di ristrutturazione edilizia. Tra le novità più importanti: -Dal 01 Gennaio 2019 la detrazione passerà dal 50% al 36%  IRPEF con riduzione di massimale da 96.000 a 48.000 euro; vi è una ipotesi di proroga triennale dell'attuale assetto...

Leggi tutto ...

Assemblea Iscritti 19.12.2018: convocazione

Assemblea Iscritti 19.12.2018: convocazione

Il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Pistoia comunica che è stata convocata per Mercoledì 19 dicembre 2018 alle ore 8 in prima convocazione e alle ore 10 in seconda convocazione, presso la  sede del Collegio a Pistoia, in Via del Can Bianco, n. 13 ,  l’Assemblea degli Iscritti...

Leggi tutto ...

Agenzia delle Entrate - Iniziativa formativa dicembre 2018 Fatturazione Elettronica

Agenzia delle Entrate - Iniziativa formativa dicembre 2018 Fatturazione Elettronica

La Direzione regionale della Toscana promuove l’organizzazione di un incontro informativo dedicato ai collegi dei geometri della regione in materia di fatturazione elettronica. Il corso, della durata di 4 ore si terrà nella giornata dell’11 dicembre presso l’Aula Magna della Direzione regionale della Toscana con orario9:00 – 13:00 prevedendo il...

Leggi tutto ...

Università di Siena - Corso Tecnico delle attività di…

Università di Siena - Corso  Tecnico delle attività di analisi e monitoraggio di sistemi di gestione ambientale e del territorio

L'Università degli Studi di Siena (Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell'Ambiente) organizza un corso INTERAMENTE GRATUITO, in quanto finanziato con le risorse POR FSE 2014-2020 progetto Giovanisì per la qualifica di: Tecnico delle attività di analisi e monitoraggio di sistemi di gestione ambientale e del territorio(Figura 40) Livello...

Leggi tutto ...

CNG - Docfa - Precisazioni in tema di applicazione dei…

CNG - Docfa - Precisazioni in tema di applicazione dei tributi speciali catastali a seguito di rettifica della categoria catastale

Il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati inoltra una nota esplicativa da parte dell'Agenzia dell'entrate in merito agli atti di aggiornamento del Catasto Edilizio Urbano tramite dichiarazione Docfa. Leggi la comunicazione inoltrata dal Cng

Leggi tutto ...

Delibera CNGeGL n° 6 del 22 luglio 2014 Regolamento Formazione Professionale

Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati - Rego-
lamento per la formazione professionale continua ai sensi
del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, articolo 7.
(Delibera del Consiglio Nazionale
Geometri e Geometri Laureati n. 6 del 22 luglio 2014)
Il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati (Consi-
glio Nazionale) considerato quanto segue:
(1) al fine di garantire la qualità e l’efficienza della prestazio-
ne professionale, nel migliore interesse dell’utente e della colletti-
vità, e per conseguire l’obiettivo dello sviluppo professionale, ogni
professionista ha l’obbligo di curare il continuo e costante aggior-
namento della propria competenza professionale (D.P.R. 7 agosto
2012, n. 137, articolo 7, comma 1);
(2) il codice deontologico, approvato dal Consiglio Nazionale
nella seduta del 3 aprile 2007 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale
del 26 maggio 2007, n. 121, prevede, all’articolo 23, che l’iscritto
deve “svolgere la prestazione professionale, per il cui espletamen-
to è stato incaricato, nel rispetto dello standard di qualità stabilito
dal CNGeGL...” e “mantenere costantemente aggiornata la propria
preparazione professionale attraverso lo svolgimento e la frequen-
za delle attività di informazione, di formazione e di aggiornamen-
to...”;
(3) la direttiva Europea n. 2005/36/CE, recepita con Decreto
Legislativo del 9 novembre 2007, n. 206, individua nella formazio-
ne e istruzione permanente lo strumento per mantenere prestazioni
professionali sicure ed efficaci (vedi considerando 39 e articolo 22);
(4) il Decreto Legislativo 16 gennaio 2013, n. 13 (G.U. n. 39
del 15.2.2013), in particolare artt. 1 (oggetto) e 2 (Definizioni);
(5) la formazione assicura ai professionisti di ogni età e situa-
zione occupazionale, in un’ottica di pari opportunità, condizioni
che facilitano l’apprendimento permanente, al fine di evitare rischi
di esclusione sociale e professionale;
Vista la delibera n. 8 del 28/4/2014 con cui è stato approvato
lo schema di regolamento per la formazione continua;
Visto il parere favorevole espresso dal Signor Mini-
stro della Giustizia il 19 giugno 2014, protocollo m_dg.GAB.
19/06/2014.0021682.U, ai sensi del del D.P.R. 7 agosto 2012, n.
137 articolo 7, comma 3;
adotta il seguente regolamento per la formazione professio-
nale continua

Articolo 1
(Definizioni)
Ai fini del presente regolamento si applicano le seguenti de-
finizioni:
Professione: attività, o insieme delle attività, riservate per
espressa disposizione di legge o non riservate, il cui esercizio è
consentito solo a seguito d’iscrizione in Ordini o in Collegi, su-
bordinatamente al possesso di qualifiche professionali o all’accer-
tamento delle specifiche professionalità (D.P.R. 7 agosto 2012, n.
137, articolo 1, comma 1, lettera a);
Professionista: soggetto iscritto all’Albo del Collegio;
Conoscenza: risultato dell’assimiliazione di informazioni
attraverso l’apprendimento; le conoscenze sono un insieme di fatti,
principi, teorie e pratiche relative ad un settore di lavoro o di studio;
Competenza: comprovata capacità di utilizzare conoscenze,
abilità e attitudini personali, sociali e/o metodologiche, per ottenere
risultati misurabili;
Abilità: capacità di applicare conoscenze e di utilizzare
know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi;
Professionalità: caratteristica del professionista intesa come
competenza qualificata e riconosciuta quale insieme di apparati te-
orici e normativi di riferimento, acquisita attraverso un processo di
apprendimento prolungato e sistematico; capacità progettuali e plu-
ralità di esperienze che si estrinsecano come pratica organizzativa e
capacità realizzative distintive;
Modalità propedeutica: procedura che consente la possibili-
tà di accedere al modulo o sezione successiva mediante superamen-
to di un test auto-valutativo.

Articolo 2
(Obbligo formativo)
1. In attuazione delle disposizioni di cui al D.P.R. 7 agosto
2012, n. 137, articolo 7, il presente regolamento disciplina la for-
mazione professionale continua degli iscritti all’Albo dei Geometri
e Geometri Laureati ai fini dell’assolvimento dell’obbligo di ag-
giornamento professionale.
2. Sono soggetti all’obbligo formativo tutti gli iscritti all’Al-
bo, salvo quanto disposto all’articolo 13 del presente regolamento.
3. La violazione dell’obbligo di formazione continua costitu-
isce illecito disciplinare ai sensi del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137,
articolo 7, comma 1.

Articolo 3
(Attività formativa)
1. Gli eventi formativi sono finalizzati a migliorare, aggior-
nare e/o trasmettere le conoscenze, le abilità e le competenze degli
iscritti all’Albo, per esercitare l’attività con la professionalità ne-
cessaria a garantire i servizi da prestare alla committenza.
2. Costituiscono eventi formativi le seguenti attività:
a) corsi di formazione e aggiornamento;
b) corsi di formazione previsti da norme specifiche, nei qua-
li possono essere previsti anche esami finali;
c) corsi o esami universitari (di laurea, di specializzazione,
di perfezionamento e di master);
d) seminari, convegni e giornate di studio;
e) visite tecniche e viaggi di studio;
f) partecipazione alle commissioni per gli esami di Stato per
l’esercizio della professione;
g) relazioni o lezioni negli eventi formativi e nell’attività di
supporto nell’attività didattica;
h) pubblicazioni, articoli scientifici o tecnico-professionali,
pubblicati su riviste a diffusione almeno provinciale;
i) il rivestire il ruolo di professionista affidatario ai fini di un
contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca di cui al Testo
Unico, D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167, articolo 5, (apprendistato);
j) frequenza a corsi di alta formazione post secondaria com-
presa Istruzione Tecnica Superiore (ITS) nelle discipline tecnico
scientifiche, di cui al successivo comma del presente articolo;
k) il rivestire il ruolo di professionista affidatario ai sensi
del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, articolo 6, comma 3 il cui tiroci-
nante ha effettuato l’intero tirocinio professionale, con rilascio del
prescritto certificato;
l) attività di docenza.
3. Gli eventi formativi devono comprendere, anche disgiun-
tamente:
a) le discipline tecnico-scientifiche inerenti l’attività profes-
sionale del geometra e geometra laureato;
b) le norme di deontologia e ordinamento professionale;
c) le altre discipline comunque funzionali all’esercizio della
professione.
4. Per quanto attiene il comma 3, lettera a) del presente articolo, è
possibile fare riferimento allo Standard di Qualità della professione del
Geometra e Geometra Laureato approvato dal Consiglio Nazionale.
5. Il Consiglio Nazionale predispone il Sistema Informativo
Nazionale sulla Formazione Continua (SINF) al fine di garantire
uniformità e trasparenza, nonché la più ampia pubblicità a livello
nazionale degli eventi formativi, compresi quelli organizzati da as-
sociazioni professionali e soggetti terzi.
6. Il Consiglio Nazionale può organizzare direttamente eventi
formativi.

Articolo 4
(Attività formativa a distanza)
1. È ammessa la formazione a distanza (FAD), con modalità
approvate dal CNGeGL, per gli eventi di cui all’articolo 3, comma
2, lettere a), b), c) e d) del presente regolamento, a condizione che
sia verificabile l’effettiva partecipazione dell’iscritto e l’acquisizio-
ne delle nozioni impartite.
2. E’ previsto uno specifico sistema di” Formazione a Distan-
za Qualificata” (FAD-Q) nel caso in cui la modalità di erogazione
rispetti tutte le seguenti prescrizioni:
a) la piattaforma formativa deve avere i requisiti minimi se-
condo le linee guida che saranno emanate dal Consiglio Nazionale;
b) i moduli formativi che compongono i corsi devono es-
sere svolti dai discenti in modalità propedeutica, attraverso il su-
peramento di appositi questionari di valutazione intermedi e finali;
c) ogni attività didattica erogata deve essere conservata su un
apposito registro dati. Su richiesta del Consiglio Nazionale deve essere
fornito il dettaglio delle attività formative condotte da ciascun discente.

Articolo 5
(Assolvimento obbligo formativo)
1. L’obbligo della formazione continua decorre dal 1 gennaio
dell’anno successivo a quello di iscrizione all’Albo.
2. Ogni iscritto sceglie liberamente gli eventi formativi da
svolgere, in relazione alle preferenze personali nell’ambito di cui
all’articolo 3 del presente regolamento.
3. Ai fini dell’assolvimento dell’obbligo, ogni iscritto deve
conseguire nel triennio almeno 60 (sessanta) CFP.

Articolo 6
(Credito formativo professionale e adempimento obbligo)
1. L’unità di misura della formazione continua è il credito for-
mativo professionale (CFP).
2. Il CFP è connesso alla tipologia di evento formativo ed alla
durata dello stesso così come previsto nella Tabella 1 di cui all’ar-
ticolo 7 del presente regolamento.

Articolo 7
(Valutazione eventi formativi)
1. La valutazione degli eventi formativi di cui all’articolo 3,
comma 2, del presente Regolamento è effettuata secondo i criteri
riportati nella tabella che segue:

Tabella 1 Valutazione degli eventi formativi


I criteri di valutazione, di cui alla tabella 1, sono aggiornati dal Consiglio Nazionale con apposita deliberazione.
2. Ai fini dell’attribuzione dei CFP, tutti gli eventi devono prevedere una percentuale minima di frequenza obbligatoria.
3. Il riconoscimento dei CFP matura nell’anno solare in cui si è concluso l’evento formativo.

Articolo 8
(Curriculum Professionale Certificato)
1. È istituito il Curriculum Professionale Certificato (CPC) sulla formazione professionale, consultabile on line, che può essere og-
getto di divulgazione a terzi, in quanto trattasi di pubblicità informativa che risponde al solo interesse della collettività.
2. Il CPC contiene:
a) gli eventi formativi svolti dal singolo iscritto conformemente al presente regolamento;
b) la formazione e le esperienze maturate prima dell’entrata in vigore del presente regolamento;
c) le qualifiche professionali acquisite;
d) i titoli professionali acquisiti.

Articolo 9
(Commissione nazionale formazione professionale continua)
1. La Commissione nazionale sulla formazione continua è no-
minata dal Consiglio Nazionale ed è composta da sette membri,
compreso il Presidente del Consiglio Nazionale o suo delegato, che
la presiede.
2. La Commissione dura in carica per la durata del Consiglio
Nazionale e rimane in essere fino alla nomina della nuova Com-
missione.
3. I compiti della Commissione nazionale formazione profes-
sionale continua, sono i seguenti:
a) supportare il Consiglio Nazionale nelle attività di promo-
zione, monitoraggio e coordinamento generale;
b) esaminare e istruire le richieste di autorizzazione da parte
delle associazioni professionali e soggetti terzi ed esprimere moti-
vato parere al Consiglio Nazionale;
c) certificare, su istanza dell’iscritto, la formazione e le
esperienze maturate prima dell’entrata in vigore del presente re-
golamento;
d) gestire il CPC attraverso il SINF;
e) svolgere, su mandato del Consiglio Nazionale, attività di
vigilanza e di ispezione sugli eventi formativi;
f) predisporre e definire, ai fini dell’uniformità su tutto il
territorio nazionale, un piano annuale dell’offerta formativa, indi-
viduando i programmi e le caratteristiche descritte nello standard
di qualità, dei corsi di cui all’articolo 3, comma 2, lettera a), che
saranno successivamente pubblicizzati sul SINF;
g) riconoscere e attribuire, su richiesta dei Collegi territo-
riali, i CFP per gli eventi formativi non previsti nell’articolo 3 del
presente regolamento, comunque ritenuti tali per la professionalità
dei contenuti;
h) riconoscere e attribuire, su richiesta del Consiglio Na-
zionale, i CFP per particolari e specifici eventi formativi, ritenuti
tali per la professionalità dei contenuti dell’evento stesso, anche in
deroga all’articolo 7, tabella 1, del presente regolamento;
4. I componenti della Commissione di cui al precedente com-
ma 1 che, senza giustificato motivo, non partecipano a tre riunioni
consecutive, decadono automaticamente dalla carica.

Articolo 10
(Autorizzazione delle associazioni degli iscritti e altri soggetti)
1. Ai sensi del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, articolo 7, comma
2, i corsi formativi possono essere organizzati da associazioni di
iscritti e altri soggetti, ivi compresi Enti Pubblici.
2. La domanda di autorizzazione da parte di associazione di
iscritti o di altri soggetti, ivi compresi Enti Pubblici, è compilata
direttamente sul SINF e deve contenere, previa verifica del piano
annuale dell’offerta formativa, per ogni corso:
a) caratteristiche, struttura, certificazione, del soggetto pro-
ponente;
b) titolo;
c) esauriente descrizione dei contenuti, con specifico rife-
rimento agli obiettivi che si intendono raggiungere in merito alla
conoscenza, qualità e abilità;
d) materiale didattico previsto;
e) durata;
f) modalità di svolgimento;
g) qualifica e curriculum dei docenti;
h) numero massimo dei discenti ammessi;
i) eventuali oneri a carico dei partecipanti;
j) modalità di verifica della rilevazione dei presenti;
k) durata minima di partecipazione ai fini del riconoscimen-
to dei crediti;
l) specifiche tecniche per l’ eventuale erogazione nella mo-
dalità FAD di cui all’articolo 4, comma 1 e FAD-Q di cui all’arti-
colo 4, comma 2;
m) altre informazioni ritenute utili.
3. Il Consiglio Nazionale, acquisito il parere della Commis-
sione nazionale formazione professionale continua, di cui all’ar-
ticolo 9 del presente regolamento, esprime motivata proposta di
delibera e la trasmette al Ministero vigilante, ai sensi del D.P.R. 7
agosto 2012, n. 137,articolo 7, comma 2.
4. Acquisito il parere vincolante del Ministero vigilante, il
Consiglio Nazionale delibera e comunica al richiedente l’autoriz-
zazione allo svolgimento del corso, o il diniego.
5. Il Consiglio Nazionale può stipulare con associazioni di iscritti
o Enti pubblici specifiche convenzioni, volte a semplificare le proce-
dure di autorizzazione e programmare gli eventi formativi, promossi
dai predetti soggetti, in un periodo di tempo prestabilito, nel rispetto di
quanto previsto dall’articolo 7, comma 5, del D.P.R. n. 137 del 2012.

Articolo 11
(Compiti e attribuzioni del Consiglio Nazionale)
1. Il Consiglio Nazionale indirizza e coordina lo svolgimento
della formazione continua a livello nazionale, in particolare:
a) nomina la Commissione formazione professionale conti-
nua di cui all’articolo 9 del presente regolamento;
b) definisce lo standard di qualità della categoria profes-
sionale;
c) definisce il sistema di qualificazione delle competenze
degli iscritti (articolo 8, comma 2, lettera c);
d) istituisce e gestisce il SINF, di cui all’articolo 3, comma
5 del presente regolamento;
e) autorizza, previo parere vincolante del Ministero vigi-
lante, i soggetti indicati dall’articolo 7, comma 2, del D.P.R. n. 137
del 2012;
f) pubblica sull’Albo Unico, di cui al D.P.R. 7 agosto 2012,
n. 137, articolo 3, i CPC degli iscritti;
g) definisce e stipula convenzioni con le Università, ai sensi
del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, articolo 7, comma 4, ai fini del
riconoscimento reciproco dei crediti formativi professionali e uni-
versitari;
h) approva regolamenti comuni, previo parere favorevole
dei Ministeri vigilanti, per individuare crediti formativi professio-
nali interdisciplinari, stabilendone il loro valore, ai sensi del D.P.R.
7 agosto 2012, n. 137, articolo 7, comma 4;
i) organizza direttamente eventi formativi, anche in coope-
razione o convenzione con altri soggetti;
j) emana le linee guida in merito ai requisiti minimi per lo
svolgimento dei corsi con modalità FAD-Q, come previsto dall’ar-
ticolo 4, comma 2, lett. a) del presente regolamento;
k) emana delibere di attuazione, coordinamento e indiriz-
zo che definiscono modalità, contenuti e procedure di svolgimento
delle attività di formazione professionale continua;
l) esamina, ai fini del recepimento, le proposte dei Collegi
territoriali, di cui all’articolo 12, comma 1, lett. b).

Articolo 12
(Compiti e attribuzioni ai Collegi territoriali)
1. I Collegi territoriali, a norma del D.P.R. 7 agosto 2012, n.
137, articolo 7:
a) organizzano le attività formative di cui all’articolo 3,
comma 2 del presente regolamento, lettere a), b), d), ed e);
b) propongono l’organizzazione, per specifiche e motivate
esigenze, al Consiglio Nazionale di corsi di formazione e aggior-
namento (articolo 3, comma 2, lettera a e b) non previsti nel piano
annuale di formazione;
c) attribuiscono i CFP sul SINF, per gli eventi previsti alle
lettere a), b), d), e) ed f), dell’articolo 3 del presente regolamento;
d) attribuiscono i CFP sul SINF, a richiesta dell’iscritto, per
gli eventi previsti alle lettere c), g), h), i), j), k), dell’articolo 3 del
presente regolamento;
e) valutano, su richiesta dell’interessato, gli eventi formati-
vi non previsti nell’articolo 3 del presente regolamento, comunque
ritenuti tali per la professionalità dei contenuti, e propongono alla
Commissione il riconoscimento ai fini dell’attribuzione dei CFP;
f) attribuiscono, su richiesta dell’interessato, i CFP per
eventi formativi riguardanti corsi previsti da specifiche normative;
g) verificano e controllano, mediante il SINF, l’assolvi-
mento triennale dell’obbligo formativo dell’iscritto; nell’ipotesi di
inadempimento, sentito prima l’iscritto, se del caso, comunicano
l’inosservanza al Consiglio di disciplina;
h) deliberano in ordine alle richieste di cui al successivo
articolo 13;
i) certificano, a domanda, l’assolvimento dell’obbligo for-
mativo dell’iscritto;
j) rendono note le informazioni essenziali relative all’assol-
vimento dell’obbligo formativo;
k) possono istituire forme incentivanti o premianti per gli
iscritti che abbiano svolto la formazione professionale continua ol-
tre i limiti dei crediti formativi professionali stabiliti dal presente
regolamento;
l) attribuiscono, su richiesta dell’interessato, i crediti forma-
tivi professionali interdisciplinari ai sensi del D.P.R. 7 agosto 2012
n. 137, articolo 7, comma 4;
m) registrano sul SINF i crediti formativi degli eventi orga-
nizzati sul proprio territorio dai soggetti di cui all’articolo 10 del
presente regolamento;
n) svolgono attività di vigilanza e ispezione sugli eventi for-
mativi organizzati da associazioni di iscritti e soggetti terzi.
2. I Collegi territoriali possono istituire commissioni per lo
svolgimento delle attività attribuite agli stessi , previste dal presen-
te articolo.
3. I Collegi territoriali sono autorizzati ad accedere al SINF
secondo le procedure previste dal Consiglio Nazionale;
4. Gli eventi formativi, organizzati dai Collegi, territorialmen-
te competenti, possono essere realizzati anche in cooperazione o
convenzione con altri soggetti, ai sensi del D.P.R. 7 agosto 2012, n.
137, articolo 7, comma 5.

Articolo 13
(Deroghe)
1. Il Consiglio del Collegio territoriale, su domanda dell’inte-
ressato, può esonerare con delibera, anche parzialmente, l’iscritto
dallo svolgimento dell’attività formativa nei seguenti casi:
a) maternità/paternità, sino ad un anno;
b) grave malattia o infortunio;
c) servizio militare volontario o servizio civile;
d) altri casi di documentato impedimento, derivante da ac-
certate cause oggettive e di forza maggiore;
e) comprovato assolvimento dell’obbligo di formazione
continua, svolto regolarmente in quanto iscritto anche ad altro Or-
dine/Collegio;
All’esonero temporaneo, di cui ai precedenti punti a), b), c), d),
consegue la riduzione del totale dei crediti formativi da acquisire nel
corso del triennio, proporzionalmente alla durata dell’esonero.
2. Il CNGeGL, su proposta del Collegio territoriale, può di-
sporre l’esonero temporaneo dell’obbligo formativo per gli iscritti
che ricoprono ruoli di rilevante interesse pubblico e di comprovata
valenza formativa e professionale.

Articolo 14
(Entrata in vigore)
1. Il presente regolamento entra in vigore il 1° gennaio 2015.
2. Il presente regolamento può essere soggetto a revisione secondo
quanto previsto dal D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, articolo 7, comma 3.
3. Con l’entrata in vigore, il presente regolamento sostituisce
a tutti gli effetti quello approvato dal Consiglio Nazionale con deli-
bera in data 10 novembre 2009 e s.m.i.

Delibera CNGeGL n° 7 del 22 luglio 2014 Regolamento Tirocinio

Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati - Rego-
lamento sul professionista affidatario di più di tre tiroci-
nanti e sui corsi di formazione professionale alternativi al
tirocinio (con allegato A).
(Delibera del Consiglio Nazionale
Geometri e Geometri Laureati n. 7 del 22 luglio 2014)
Il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati:
- Visto l’articolo 2, comma 2, della legge 7 marzo 1985, n. 75, re-
cante “Modifiche all’ordinamento professionale dei Geometri” e s.m.i.;
- Visto l’articolo 6, commi 3 e 10, del D.P.R. 7 agosto 2012,
n. 137, recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma
dell’articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138,
convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148;
- Visto il parere favorevole, ai sensi dell’articolo 6, com-
mi 3 e 10, del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, espresso dal Si-
gnor Ministro della Giustizia il 19 giugno 2014 protocollo m_
dg.GAB.19/06/2014.0021684.U.;
Adotta
il seguente regolamento:

PARTE PRIMA
DEL TIROCINIO DEL GEOMETRA

Articolo 1
(Autorizzazione all’assunzione della funzione
di professionista affidatario per più di tre tirocinanti)
1. Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 6, comma 3, del D.P.R.
n. 137 del 7 agosto 2012, i Consigli dei Collegi territoriali dei Ge-
ometri e Geometri Laureati possono rilasciare motivata autorizza-
zione all’assunzione della funzione di professionista affidatario per
un numero superiore a tre e fino ad un massimo di cinque tirocinan-
ti, contemporaneamente, a favore di:
associazioni professionali, con almeno tre associati e la pre-
senza tra questi di un iscritto all’albo professionale dei Geometri e
Geometri Laureati da almeno cinque anni;
società tra professionisti, costituite a norma dell’articolo 10
della legge 12 novembre 2011, n. 183 (e conseguente decreto inter-
ministeriale n. 34/2013), con la presenza tra i soci professionisti di
almeno un iscritto all’albo professionale dei Geometri e Geometri
Laureati da almeno cinque anni.
2. La richiesta di autorizzazione, rivolta al Consiglio del Col-
legio territoriale nel cui registro dovranno iscriversi i tirocinanti,
deve riportare:
a) la struttura organizzativa dell’associazione e/o società
(con allegato il relativo statuto);
b) il programma del tirocinio, coerente con i contenuti for-
mativi di cui all’allegato A, che assicuri lo svolgimento dello stesso
in modo funzionale alla sua finalità;
c) il nominativo dell’iscritto all’albo professionale designa-
to quale professionista affidatario.
3. I criteri per il rilascio dell’autorizzazione sono:
a) la struttura organizzativa dell’associazione e/o società
deve essere tale da giustificare la possibilità della fruttuosa presen-
za contemporanea del numero di tirocinanti richiesti;
b) l’attività professionale dell’associazione e/o società deve
essere tale da ricoprire costantemente l’intero ambito delle attività
di competenza del geometra ed in particolare quelle dell’edilizia,
della topografia e dell’estimo.
4. In caso di decorso infruttuoso del termine di legge per l’a-
dozione di un provvedimento espresso in ordine all’istanza di au-
torizzazione si applicano gli artt. 2 e 20 della legge n. 241/ 1990.

PARTE SECONDA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Articolo 2
(Presupposti generali)
1. Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 6, comma 9, del D.P.R.
n.137 del 7 agosto 2012, la frequenza con profitto di uno specifico
corso di formazione professionale, della durata di sei mesi, costi-
tuisce una modalità alternativa all’espletamento del periodo com-
plessivo obbligatorio di tirocinio, come previsto dal comma 1 del
medesimo art. 6.
2. L’iscrizione al corso di formazione professionale è consen-
tita a tutti gli iscritti nel registro dei tirocinanti di qualsiasi Collegio
territoriale, compresi coloro che abbiano precedentemente optato
per il tirocinio di Geometra, senza tuttavia completarne il percor-
so. L’iscrizione al registro suddetto è condizione necessaria per la
frequenza al corso.
3. Il Ministro della Giustizia dichiara la data a decorrere dalla
quale la disposizione di cui al comma 1 è applicabile al tirocinio,
previa verifica, su indicazione del CNGeGL, dell’idoneità dei corsi
organizzati sul territorio nazionale a norma dell’articolo 3 del pre-
sente regolamento.

Articolo 3
(Istituzione dei corsi)
1. I corsi di formazione professionale possono essere organiz-
zati dai Collegi territoriali dei Geometri e Geometri Laureati, e pos-
sono essere strutturati su livello regionale o interregionale, previo
accordo specifico tra i Consigli dei Collegi territoriali interessati.
2. I corsi possono essere organizzati – a livello territoriale, re-
gionale o interregionale - anche da associazioni e da altri soggetti,
autorizzati dal Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati
(CNGeGL). Il CNGeGL delibera sulla domanda di autorizzazione
di cui al presente comma.
3. La domanda di autorizzazione, con la relativa proposta di
delibera motivata del CNGeGL, viene immediatamente trasmessa
al Ministro della Giustizia per l’emissione del parere vincolante
dandone comunicazione ai richiedenti. Sulla base del parere vin-
colante rilasciato dal Ministro, il CNGeGL autorizza o rigetta la ri-
chiesta, con delibera motivata. L’elenco delle istanze accolte viene
pubblicato sul sito internet del CNGeGL.

Articolo 4
(Durata, contenuti formativi e requisiti didattici)
1. I contenuti formativi essenziali di ogni corso di formazio-
ne professionale, che non può superare i 40 corsisti, sono indicati
nell’allegato A. Essi comportano un carico didattico di almeno 308
ore, di cui almeno 100 ore consistenti in attività tecnico-pratiche,
per un periodo complessivo di 6 mesi, anche non consecutivi, sud-
divisi in due trimestri con portata e impegno formativo equivalente.
2. Le lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche, finalizzate al
conseguimento delle capacità necessarie per l’esercizio e la gestio-
ne organizzativa della Professione, da svolgersi preferibilmente
presso le sedi degli Istituti tecnici o dei Collegi territoriali, hanno
inizio non oltre il 31 gennaio e devono concludersi con la verifica
finale di profitto entro il successivo 30 settembre.
3. Il mancato superamento della verifica finale di profitto con-
sente la prosecuzione, fino al completamento del periodo previsto,
del tirocinio professionale presso un professionista affidatario, se
non già indicato nel registro dei tirocinanti, da individuare entro 30
giorni dalla data di fine corso.

Articolo 5
(Docenti e Commissione verificatrice)
1. Entro il mese di dicembre di ogni anno i Consigli dei Col-
legi territoriali designano, scegliendoli preferibilmente tra i pro-
fessionisti aderenti ad associazioni di categoria riconosciute dal
CNGeGL, i docenti esperti per materia di insegnamento, nonché
il coordinatore del corso, chiamato a sovrintendere il rispetto del
calendario e la frequenza delle lezioni. Entro il medesimo termine
i Consigli dei Collegi stabiliscono altresì il calendario delle lezioni
teoriche e delle esercitazioni pratiche. Tali dati vengono pubblicati
sui siti internet dei Collegi e comunicati al CNGeGL tempestiva-
mente.
2. Entro il 31 marzo di ogni anno i Consigli dei Collegi terri-
toriali nominano una Commissione di due membri, composta da un
professionista geometra e da un docente universitario, e presieduta
da quest’ultimo, cui è affidata la verifica di profitto intermedia e
finale, ai sensi dell’articolo seguente.

Articolo 6
(Verifica intermedia e finale di profitto)
1. Alla fine del 1° trimestre è effettuata una verifica intermedia
di profitto.
Il passaggio dal primo al secondo trimestre del corso è subor-
dinato al giudizio favorevole della Commissione di cui all’artico-
lo precedente, espresso sulla base della valutazione complessiva
dell’esito della stessa verifica, sulle diverse attività didattiche e
sulla frequenza.
2. La verifica intermedia consiste anche nella discussione di
casi pratici comunque concernenti le materie che siano state trattate
durante il primo trimestre del corso.
3. Alle verifiche di profitto sono ammessi i corsisti che abbia-
no frequentato almeno il 90% delle lezioni teoriche e il 90% delle
esercitazioni pratiche.
4. Il Collegio, l’associazione o altro soggetto organizzatore
del corso di formazione, a norma dell’articolo 3, comunicano senza
indugio al Consiglio del Collegio territoriale nel cui registro dei
tirocinanti i corsisti risultano iscritti, i nominativi di coloro che ab-
biano superato la verifica finale di profitto.

Articolo 7
(Certificazione)
1. A seguito del superamento del corso di formazione profes-
sionale, il Consiglio del Collegio territoriale, nel cui registro dei
tirocinanti il soggetto è iscritto, rilascia apposito certificato di com-
pimento con esito positivo del tirocinio, quale titolo per l’ammis-
sione all’esame di Stato.
2. Il certificato di cui al comma 1 perde efficacia decorsi cin-
que anni senza che segua il superamento dell’esame di Stato.
3. Quando il certificato perde efficacia, il Consiglio del Colle-
gio territoriale provvede alla cancellazione del soggetto dal registro
dei tirocinanti.

ALLEGATO A

Decreto Ministeriale 15 febbraio 1949

Regolamento per la trattazione dei ricorsi dinanzi al Consiglio nazionale dei geometri
(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, n. 59 del 12 marzo 1949).

Art. 1
Le impugnazioni dinanzi al Consiglio nazionale dei geometri si propongono entro il termine di trenta giorni con ricorso redatto su carta bollata da L. 600.
Se il ricorso è proposto dal Pubblico Ministero è redatto su carta non bollata.

Art. 2
Il ricorso deve contenere i motivi su cui si fonda ed essere corredato:
a) della copia autentica della deliberazione impugnata;
b) dei documenti eventualmente necessari a comprovarne il fondamento;
c) quando non sia proposto dal Pubblico Ministero, anche della ricevuta del versamento, eseguito presso un ufficio del registro della somma di L. 800 (ottocento) stabilita dall'art. 1 del Decreto Legislativo 3 settembre 1946, n. 261.

Art. 3
Il ricorrente, che non sia il Pubblico Ministero, deve indicare il recapito al quale intende gli siano fatte le eventuali comunicazioni da parte della segreteria del Consiglio nazionale. In mancanza di tale indicazione la segreteria non procede ad alcuna comunicazione.

Art. 4
E' irricevibile il ricorso quando sia presentato dopo il termine di trenta giorni dalla comunicazione della deliberazione che si intende impugnare ovvero non sia corredato dalla ricevuta del versamento di cui all'art. 2.

Art. 5
Il ricorso al Consiglio nazionale è presentato o notificato nell'ufficio del Consiglio del collegio che ha emesso la deliberazione che si intende impugnare.
Se ricorrente è il professionista, deve presentare anche due copie in carta libera del ricorso.
L'ufficio del Consiglio del collegio annota a margine del ricorso la data di presentazione e comunica subito, con lettera raccomandata, copia del ricorso stesso al Procuratore della Repubblica nella cui giurisdizione ha sede il Consiglio, se ricorrente è il professionista, o al professionista, se ricorrente è il Procuratore della Repubblica.
Il ricorso e gli atti del procedimento rimangono depositati nell'ufficio del Consiglio del collegio per trenta giorni successivi alla scadenza del termine stabilito per ricorrere.
Fino a quando gli atti rimangono depositati, il Procuratore della Repubblica e l'interessato possono prenderne visione, proporre deduzioni ed esibire documenti.
Il ricorso, con la prova della comunicazione di cui al terzo comma del presente articolo, nonché le deduzioni e i documenti di cui al comma precedente, unitamente al fascicolo degli atti, sono trasmessi dal Consiglio del collegio al Consiglio nazionale.
Il Consiglio del collegio, oltre al fascicolo degli atti del ricorso, trasmette una copia in carta libera del ricorso stesso e della deliberazione impugnata in fascicolo separato.

Art. 6
Presso il Consiglio nazionale gli interessati possono prendere visione degli atti e presentare documenti e memorie, fino a quando non si sia provveduto alla nomina del relatore.
Art. 7

Il Presidente del Consiglio nazionale nomina il relatore e stabilisce la seduta per la trattazione del ricorso.
Il Presidente, prima della nomina del relatore, può disporre indagini, salva in ogni caso la facoltà concessa al Consiglio nazionale dall'art. 8. Può anche informare il professionista, che ne abbia fatta richiesta, della facoltà di comparire il giorno della seduta dinanzi al Consiglio per essere inteso personalmente.

Art. 8
Le sedute del Consiglio nazionale non sono pubbliche e le decisioni sono adottate fuori della presenza degli interessati.
Qualora il Consiglio nazionale ritenga necessario che l'interessato dia chiarimenti ovvero produca atti o documenti, il Presidente comunica i provvedimenti adottati all'interessato stesso a mezzo lettera raccomandata fissando un termine per la risposta. Se questa non giunge entro il termine stabilito, la decisione è presa in base agli atti che già sono in possesso del Consiglio nazionale.
Chiusa la discussione, il Presidente raccoglie i voti dei consiglieri e vota per ultimo.
Le decisioni del Consiglio sono adottate a maggioranza e, in caso di parità, prevale il voto del Presidente.

Art. 9
La decisione è pronunciata in nome del popolo italiano. Essa deve contenere il nome del ricorrente, l'oggetto dell'impugnazione, i motivi sui quali si fonda, il dispositivo, l'indicazione del giorno, mese ed anno in cui è pronunciata, la sottoscrizione del Presidente e del Segretario.

Art. 10
La pubblicazione della decisione ha luogo mediante deposito dell'originale nella segreteria.
La segreteria provvede alla comunicazione di copia della decisione, a mezzo lettera raccomandata, al professionista e al Procuratore della Repubblica. Trasmette inoltre copia della decisione medesima al Consiglio del collegio.

Art. 11
Il Segretario redige processo verbale delle sedute. Il processo verbale deve contenere:
a) il giorno, il mese e l'anno in cui ha luogo la seduta;
b) il nome del Presidente, dei membri e del Segretario intervenuti;
c) l'indicazione dei ricorsi esaminati;
d) i provvedimenti presi in ordine a ciascun ricorso;
e) le firme del Presidente e del Segretario.

Art. 12
In caso di impedimento o di assenza del Segretario alla seduta del Consiglio, il Presidente ne affida temporaneamente le funzioni al membro presente meno anziano di età.

Art. 13
E' in facoltà del Presidente disporre, dietro richiesta, il rinvio di copia degli atti a chi dimostri di avervi legittimo interesse.

Art. 14
I ricorsi trasmessi al Consiglio nazionale anteriormente alla pubblicazione del presente decreto devono essere inviati ai Consigli dei collegi le cui deliberazioni sono impugnate, perché provvedano alle formalità di cui all'art. 5, entro 45 giorni dalla ricezione dei ricorsi, informandone il ricorrente.

Decreto Luogotenenziale 23/11/1944, n. 382

 

 

Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali
(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, n. 98 del 23 dicembre 1944).

CAPO I
DEL CONSIGLIO DEGLI ORDINI E COLLEGI PROFESSIONALI

ART.1
Le funzioni relative alla custodia dell'Albo e quelle disciplinari per le professioni di ingegnere, di architetto, di chimico, di professionista in economia e commercio, di attuario, di agronomo, di ragioniere, di geometra, di perito agrario e di perito industriale sono devolute per ciascuna professione ad un Consiglio dell'ordine o collegio, a termini dell'art. 1 del Regio Decreto-legge 24 gennaio 1924, n. 103. Il Consiglio è formato: di cinque componenti, se gli iscritti nell' Albo non superano i cento; di sette se supera no i cento, e non i cinquecento; di nove, se superano i cinquecento, ma non i millecinquecento; di quindici, se superano i millecinquecento.

ART. 2
I componenti del Consiglio sono eletti dall'Assemblea degli iscritti nell'Albo a maggioranza assoluta di voti segreti per mezzo di schede contenenti un numero di nomi uguale a quello dei componenti da eleggersi.
Ciascun Consiglio elegge nel proprio seno un presidente, un segretario, ed un tesoriere. Il Presidente ha la rappresentanza dell'Ordine o Collegio di cui convoca e presiede l'Assemblea. Il Presidente deve in ogni modo convocare l'Assemblea quando ne viene richiesto dalla maggioranza dei componenti del Consiglio ovvero da un quarto del numero degli iscritti. I componenti del Consiglio restano in carica due anni.

ART.3
L'Assemblea per l'elezione del Consiglio deve essere convocata nei quindici giorni precedenti a quello in cui scade. La convocazione si effettua mediante avviso spedito per posta almeno dieci giorni prima a tutti gli iscritti.
Ove il numero degli iscritti superi cinquecento, può tenere luogo dell'avviso spedito per posta, la notizia della convocazione pubblicata almeno in un giornale per due volte consecutive.
L'avviso e la notizia di cui ai commi precedenti contengono l'indicazione dell'oggetto dell'adunanza e stabiliscono il luogo, il giorno e l'ora dell'adunanza stessa in prima convocazione ed occorrendo, in seconda, nonché il luogo, il giorno, e l'ora per la eventuale votazione di ballottaggio. L'assemblea è valida in prima convocazione se interviene una metà almeno degli iscritti, ed in seconda convocazione, che deve aver luogo almeno tre giorni dopo la prima, se interviene almeno un quarto degli iscritti medesimi.

ART. 4
Nell'assemblea per l'elezione del Consiglio, un'ora dopo terminato il primo appello, si procede ad una seconda chiamata di quelli che non risposero alla prima, affinché diano il voto. Eseguita questa operazione, il Presidente dichiara chiusa la votazione ed assistito da due scrutatori da lui scelti tra i presenti procede immediatamente e pubblicamente allo scrutinio.
Compiuto lo scrutinio, ne proclama il risultato e ne dà subito comunicazione al Ministero per la Grazia e Giustizia.

ART. 5
Quando tutti o parte dei candidati non conseguono la maggioranza assoluta dei voti, il Presidente dichiara nuovamente convocata l'assemblea per la votazione di ballottaggio per coloro che non hanno conseguito tale maggioranza.
In caso di parità di voti è preferito il candidato più anziano per l'iscrizione nell'Albo e, tra coloro che abbiano uguale anzianità di iscrizione, il maggiore di età.

ART. 6
Contro i risultati dell'elezione ciascun professionista iscritto nell'Albo può proporre reclamo alla Commissione centrale entro dieci giorni dalla proclamazione.

ART. 7
Il Consiglio provvede all'amministrazione dei beni spettanti all'Ordine o Collegio e propone all'approvazione dell'assemblea il conto consuntivo ed il bilancio preventivo. Il Consiglio può, entro limiti strettamente necessari a coprire le spese dell'Ordine o Collegio, stabilire una tassa annuale, una tassa per l'iscrizione nel registro dei praticanti e per l'iscrizione nell'Albo nonché una tassa per il rilascio di certificati e dei pareri per la liquidazione degli onorari. Ferma rimanendo l'efficacia delle norme che impongono contributi a favore di Enti previdenziali di categoria, nessun pagamento, oltre quelli previsti da questo decreto, può essere imposto o riscosso per l'esercizio della professione a carico degli iscritti nell'Albo.

ART. 8
Il Consiglio può essere sciolto quando non sia in grado di funzionare regolarmente. In ogni caso di scioglimento le funzioni del Consiglio sono affidate ad un Commissario straordinario fino alla nomina del nuovo Consiglio, che deve aver luogo entro novanta giorni dallo scioglimento del precedente. Lo scioglimento del Consiglio e la nomina del Commissario sono disposti con decreto del Ministero di Grazia e Giustizia, sentito il parere della Commissione centrale. Il Commissario ha facoltà di nominare un Comitato di non meno di due e di non più di sei componenti da scegliere fra gli iscritti nell'Albo, che lo coadiuva nell'esercizio delle funzioni predette.

ART. 9
Le disposizioni di cui all'articolo precedente circa la nomina del Commissario e del Comitato si applicano anche quando per qualsiasi motivo non si sia addivenuto alla elezione del Consiglio.

Capo II
DELLE COMMISSIONI CENTRALI

ART. 10
Le commissioni centrali per le professioni indicate dall'articolo 1 sono costituite presso il Ministero di Grazia e Giustizia e sono formate da undici componenti eletti dai Consigli della rispettiva professione. La Commissione centrale è formata di un numero di componenti pari a quello dei Consigli quando il numero dei Consigli stessi è inferiore a undici.


ART. 11
Nelle elezioni prevedute dal presente Capo si intende eletto il candidato che ha riportato un maggior numero di voti. A ciascun Consiglio spetta un voto per ogni cento iscritti o frazione di cento, fino a duecento iscritti; un voto ogni duecento iscritti fino a trecento iscritti, ed un voto ogni trecento iscritti da seicento iscritti ed oltre. In caso di parità di voti si applica la disposizione dell'articolo 5, comma secondo. Ogni Consiglio comunica il risultato della votazione ad una Commissione nominata dal Ministero di Grazia e Giustizia e composto di cinque professionisti che, verificata l'osservanza delle norme di legge, accerta il risultato complessivo della votazione e ne ordina la pubblicazione con proclamazione degli eletti nel bollettino del ministero.

ART. 12
Quando gli iscritti appartengono ad unico Albo con carattere nazionale, la Commissione centrale è eletta dall'assemblea ed è formata di nove componenti. Per la elezione si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni relative alla elezione del Consiglio.

ART. 13
I Consigli devono essere convocati per le elezioni nei quindici giorni precedenti a quelli in cui scade la Commissione centrale. Non si può fare parte contemporaneamente di un Consiglio e della Commissione centrale. In mancanza di azione nei dieci giorni successivi all'elezione si presume la rinunzia all'ufficio di componente del Consiglio. I componenti delle Commissioni Centrali restano in carica tre anni.

ART. 14
I componenti delle Commissioni centrale eleggono nel proprio seno in Presidente, il Vicepresidente ed il Segretario. Le Commissioni predette esercitano le attribuzioni stabilite dagli ordinamenti vigenti ed inoltre danno parere sui progetti di legge e di regolamento che riguardano le rispettive professioni e sulla loro interpretazione, quando ne sono richiesti dal Ministero per la Grazia e Giustizia.
Determinano inoltre la misura del contributo da corrispondersi annualmente dagli iscritti nell'Albo per le spese del proprio funzionamento.

CAPO III
DISPOSIZIONI COMUNI

ART. 15
I componenti del Consiglio o della Commissione centrale devono essere iscritti nell'Albo. Essi possono essere rieletti. Fino all'insediamento del nuovo Consiglio o della nuova Commissione, rimane in carica il Consiglio o la Commissione uscente. Alla sostituzione dei componenti deceduti o dimissionari o che rimangono assenti dalle sedute per un periodo di oltre sei mesi consecutivi si procedemediante elezioni suppletive. Quelle riguardanti la Commissione centrale si svolgono nei Consigli che non hanno alcun componente nella Commissione stessa. Il componente eletto a norma del comma precedente rimane in carica fino alla scadenza del Consiglio o della Commissione centrale.

ART. 16
Per la validità, delle sedute del Consiglio o della Commissione centrale occorre la presenza della maggioranza dei componenti. In caso di assenza del Presidente del Consiglio, del Presidente e del Vicepresidente della Commissione centrale, ne esercita le funzioni il Consigliere più anziano per iscrizione nell'Albo.

ART. 17
Per l'adempimento delle funzioni indicate nell'art. 1 si osservano le norme dei rispettivi ordinamenti professionali. Il Consiglio e la Commissione centrale esercitano le altre funzioni prevedute dai predetti ordinamenti che continuano ad applicarsi in quanto compatibili con le norme di questo decreto.
Si omettono i capi IV e V contenenti norme particolari per le professioni di avvocato e procuratore e disposizioni transitorie.

Area Iscritti

Assistenza

Ricerca iscritti

Webmail

Questo sito usa i cookies solo per migliorare l'esperienza di navigazione e per gestire gli accessi all'area riservata. Per maggiori informazioni relative ai cookies utilizzati, vedi le nostre Politiche sulla privacy.

Ho preso visione dell'utilizzo dei cookies in questo sito